16 Febbraio Feb 2019 1955 9 months ago

SUPERPRESTIGE: Trionfa Van der Poel, brava Betsema a Middelkercke

Il campione olandese eguaglia l'en plein di Nys, tra le donne il Trofeo è della Cant, Lechner (sesta) e Arzuffi nella top ten finale, Pidcock e Meeussen vincono tra gli under 23 e juniores, l'allievo Masciarelli secondo in volata

Vanderpoel Superprestige

Middelkercke (Bel) (16/2) – Quando il belga Sven Nys, campionissimo del ciclocross, riuscì a vincere tutte le prove del Trofeo Superprestige, nella stagione 2006/2007, si pensò che sarebbe stato assai difficile eguagliare tale straordinario record.

C’è riuscito invece il giovane olandese Mathieu Van der Poel che si è aggiudicato per la quarta volta (terza consecutiva) la classifica finale del prestigioso trofeo concludendo in perfetta solitudine (come d’abitudine) a Middelkeerke (Belgio) l’ottava e ultima prova di questa edizione del trofeo (trentasettesima), disputatosi con la formula open.

Malgrado una caduta in un tratto sabbioso, nel corso del primo giro, il campione del mondo ha recuperato gradualmente le posizioni perse ed ha proseguito poi per qualche giro insieme, tra gli altri, a Michael Vanthourenhout e Toon Aerts,, Lars Van der Haar e Quinten Hermans, cioè coloro che – proprio in quest’ordine- si collocheranno dal secondo al quinto posto.

Una top five che è sfuggita per un soffio a Kevin Pauwels che la settimana prossima disputerà l’ultima gara della sua più che onorevole carriera.

Poco prima di metà gara Van der Poel ha iniziato il suo show esibendosi anche con applaudite acrobazie nei passaggi tecnici mentre alle sua spalle la battaglia per il secondo posto vedeva in grande spolvero Michael Vanthourenhout, che riusciva a contenere l’ambizioso proposito del terzetto di atleti del team Telenet Fidea (direttore tecnico Nys) che poteva consolarsi con il terzo posto del campione nazionale belga Toon Aerts (secondo nella classifica finale del trofeo).

Nella classifica separata, riservata agli Under 23, il britannico Thomas Pidcock, neo iridato della categoria, risultava largamente vincente con largo margine di punti sul suo connazionale Ben Turner, oltre che sul vice campione del mondo Eli Iserbyt e sul tricolore Jakob Dorigoni.

Nella gara riservata alla categoria open femminile il successo è andato all’olandese Denise Betsema mentre l’iridata Sanne Cant, appena fuori dal podio di giornata, si è aggiudicava per la quarta volta la classifica finale del trofeo per la categoria Elite donne con sei punti di vantaggio sulla campionessa europea Annemarie Worst, giunta ottava.

Sul podio di Middelkerke, insieme alla Betsema, la giovane olandese Ceylin Del Carmen (prima nella classifica finale Under 23) e la belga Loes Sels, al terzo posto, con la Cant sulla sua scia.

Generosa la prova della tricolore Eva Lechner, che ha sfiorato la top five mentre in evidente calo di forma e di stimoli Alice Maria Arzuffi (dodicesima) quinta nella classifica finale grazie soprattutto al suo successo nella prova di Asper-Gavere. Al sesto posto della medesima classifica la Lechner.

Due azzurre nella top ten finale del Superprestige, entrambe meritevoli di encomio per l’impegno ed i sacrifici affrontati in questa stagione al fine di essere competitive in un contesto agonistico di altissimo livello internazionale.

Nella categoria Juniores il belga Witse Meeussen ha anticipato i suoi connazionali Thibau Nys (a 38”) e Joran Wyseure (a 2’09”). Lo stesso Meeussen si aggiudicava anche la classifica finale di categoria mentre Nys (al suo primo anno nella categoria) si collocava al quarto posto.

Nella categoria allievi di secondo anno il belga Mauro Delmé ha conseguito il suo quarto successo stagionale precedendo in volata Lorenzo Masciarelli (Callant Doltcini Cycling Team), ancora una volta autore di una prova maiuscola. Il ragazzo abruzzese è diventato molto popolare in Belgio, crocevia mondiale di questa specialità.

La prossima stagione, nella categoria Juniores, il bravo Lorenzo avrà occasioni ancora più significative per confermare il suo evidente talento nel ciclocross, e non solo.

In questa gara da segnalare anche la presenza di altri ragazzi italiani, ovvero Filippo Agostinacchi (Xco Project), giunto ottavo, e Gioele Solenne (Team Bramati), diciottesimo.

Nella gara allievi di primo anno, maschie femmine insieme, in evidenza Lucia Bramati (Team Bramati) e Giulia Challancin (Xco Project).

Alfredo Vittorini

OPEN MASCHILE

1. Mathieu Van der Poel (Ola, Corendon-Circus) 1h00’59”; 2. Michael Vanthourenhout (Bel, Marlux Bingoal) 17”; 3.Toon Aerts (Bel Telenet Fidea Lions) 32”; 4. Lars Van der Haar (Ola) 40”; 5. Quentin Hermans (Bel) 48”; 6. Kevin Pauwels (Bel) 57”; 7. Gianni Vermeersch (Bel) 1’39”; 8. Joris Nieuwenhuis (Ola) 1’52”; 9. Jens Adams (Bel) 2’07”; 10. Thomas Pidcock (Gb) 2’15”; 18. Jakob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti) 4’24”; 35. Gioele Bertolini (Selle Italia Guerciotti)

OPEN FEMMINILE

1. Denise Betsema Ola) 45’13”; 2. Ceylin Del CarmenAlvarado (Ola) 45”; 3. Loes Sels (Bel) 1’09”; 4. Sanne Cant (Bel) 1’16”; 5. Laura Verdonschot (Bel) 1’51”; 6. Eva Lechner Creafin Tuv Sud) 2’04”; 7. Yara Kastelijn (Ola) 2’49”; 8. Annemarie Worst (Ola) 3’06”; 9. Inge Van der Heijden (Ola) 3’28”; 10Joyce Vanderbeken (Bel) 3’38”; 12. Alice Maria Arzuffi (Steylaerts-777) 4’09”; 24. Gaia Realini (Team Masciarelli)